Fattura elettronica: è obbligatorio inserire il codice fiscale?

fattura elettronica
Condividi

Da quasi 8 mesi è scattato l’obbligo di emissione della fattura elettronica ma sono ancora vari i dubbi che restano in attesa di chiarimenti.

A tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha effettuato la pubblicazione di più di 80 FAQ in cui chiarisce alcuni aspetti relativi alla fattura elettronica.

Il codice fiscale è obbligatorio?

Tra le varie domande poste all’ Agenzia delle Entrate, questa fornisce una risposta in materia degli obblighi di indicazione del codice fiscale nelle fatture elettroniche qualora l’emissione di queste sia avvenuta nei confronti di soggetti titolari di partita Iva.

La risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate chiarisce che la compilazione dei campi inerenti alla sezione cessionario/committente della fattura elettronica va effettuata tramite l’indicazione della partita Iva oppure del codice fiscale, che sarà comunicato direttamente dal cliente al fornitore al momento dell’operazione.

Nell’ipotesi in cui nella fattura elettronica vengano inseriti sia la partita Iva che il codice fiscale, il Sistema di Interscambio chiarisce che il file sarà considerato ugualmente idoneo, anche in sussistenza di ambi i valori.

Nel rispondere, l’Agenzia delle Entrate afferma che nella circostanza in cui il cessionario/committente, titolare di partita Iva, agisca esclusivamente per la comunicazione del codice fiscale alfanumerico, comporta che il soggetto in questione intende effettuare l’acquisto di un bene o di un servizio al di fuori del contesto di attività di impresa, arte o professione.

Ulteriori novità per la fattura elettronica

Dal 1 luglio 2019 è partito l’obbligo di memorizzazione e trasmissione del corrispettivo giornalieri tramite fattura elettronica: il mancato invio telematico dei dati giornalieri comporta l’applicazione di particolari sanzioni.

L ’obbligo di fatturazione elettronica non trova applicazione per la gestione del reverse charge, tenendo però conto di distinguere tra reverse charge interno ed esterno. 

Altro aspetto molto discusso in questi giorni è la questione della data fattura ed invio allo SDI: dal 1 Luglio 2019 è obbligatorio emettere la fattura immediata entro 12 giorni. Differente è il discorso invece per i tempi dell’emissione della fattura differita.

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata