Rottamazione ter, “Fai D.A. te” per presentare online la domanda

rottamazione ter
Condividi
L’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha comunicato che con il servizio “Fai D.A. te” dal 21.12.2018 è possibile
presentare dal computer, smartphone o tablet, la domanda di adesione alla rottamazione ter prevista dal
D.L. 119/2018.

Fai D.A. te per presentare la domanda di rottamazione ter

L’art 3 del D.L n. 119/2018 prevede la Definizione agevolata dei carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 (c.d. rottamazione ter).

Chi intende aderire pagherà l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

Il D.L. 119/2018 non prevede la rottamazione ter per alcune carichi, in particolare non rientrano nella Definizione Agevolata:

  • recupero degli aiuti di Stato considerati illegittimi dall’Unione Europea;
  • crediti derivanti da condanne pronunciate dalla Corte dei conti;
  • multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna;
  • sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali.

Infine, non possono usufruire della rottamazione ter, i soggetti che hanno aderito alla rottamazione bis e per i quali non risulta effettuato, entro il 7 dicembre 2018, l’integrale versamento delle rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018.

Le novità della rottamazione ter

A differenza di quanto previsto dalla rottamazione-bis, il D.L. 119/2018 prevede importanti novità a favore dei contribuenti, ovvero:

  1. un periodo temporale più ampio per rateizzare le somme dovute: 18 rate ripartite in 5 anni;
  2. un massimo di 5 giorni di ritardo nel pagamento rispetto alla scadenza della rata, senza incorrere in sanzioni o perdere il beneficio della Definizione agevolata;
  3. un tasso di interesse ridotto, definito nella misura del 2 % annuo a partire dal 1° agosto 2019.

Il termine ultimo per poter aderire alla rottamazione ter, e quindi di presentazione della domanda è il 30 aprile 2019.

Chi può aderire alla Rottamazione ter?

Possono aderire alla rottamazione ter tutti colori i quali hanno carichi affidati all’Agenzia della Riscossione dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, compresi chi aveva già aderito:

  • alla “prima rottamazione” (Definizione agevolata prevista dal D.L. n. 193/2016) e sono decaduti per non aver versato tempestivamente ed integralmente le rate del piano di definizione;
  • alla “rottamazione-bis” (Definizione agevolata prevista dal D.L. n. 148/2017) nel solo caso in cui risultino integralmente saldate, entro il 7 dicembre 2018, tutte le rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018.

Cosa succede dopo la presentazione della domanda?

Dopo aver presentato la domanda di adesione, l’Agenzia delle Entrate, dovrà inviare ai contribuenti, entro il 30 Giugno 2019, una “comunicazione” :

  • di accoglimento della domanda contenente l’ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della rottamazione ter, la scadenza delle eventuali rate e i relativi bollettini di pagamento;
  • di eventuale diniego.

Inoltre, è previsto che, a seguito della presentazione della dichiarazione di adesione, siano sospesi, sia i termini di prescrizione e decadenza dei carichi inseriti nella domanda, sia gli obblighi di pagamento derivanti da precedenti rateizzazioni.

 

MODELLO D.A. 2018, Agenzia delle Entrate

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata