Concorso Ministero beni culturali: posti per 1.052 vigilanti

Concorso Ministero Beni culturali: assunzioni per 1.052 vigilanti
Condividi

Concorso Ministero beni culturali finalmente pubblicato pochi giorni fa in Gazzetta Ufficiale con la quale si procederà all’assunzione a tempo indeterminato di 1052 vigilanti.

Concorso Ministero beni culturali: cosa prevede

Il nuovo bando per il concorso Ministero beni culturali è stato è pubblicato in questi giorni pre – vacanze sulla Gazzetta Ufficiale.

Con questo concorso saranno assunti 1.052 viglianti a tempo indeterminato. Il loro compito sarà quello di occuparsi della prima accoglienza dei visitatori e della sorveglianza dei luoghi di culto.

Un investimento importante per garantire una maggiore attenzione ad un settore spesso bistrattato, dove la gran mole di turisti rimane spesso spaesata e non sanno come muoversi tra le innumerevoli meraviglie storiche e culturali del nostro Bel Paese.

Importante è anche l’investimento nella sicurezza per proteggere i monumenti e i palazzi storici, oltre agli investimenti che dovrebbero essere sbloccati per la manutenzione ordinaria e le ristrutturazioni delle strutture che si trovano in cattivo stato.

Requisiti per l’ammissione

Il bando per il concorso Ministero beni Culturali indica tutti i requisiti necessari per poter partecipare alla selezione. Tali requisiti dovranno essere posseduti alla scadenza dei termini di presentazione della domanda di partecipazione.

Nel dettaglio sono richiesti:

a) essere cittadini italiani o di altro Stato membro dell’Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente nonché’ cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno  UE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria, ai sensi dell’articolo 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

b) avere un’età non inferiore a 18 anni;

c) essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado.

d) idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce.

e) godimento dei diritti civili e politici;

f) non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

g) non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;

h) non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;

i) per i candidati di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.

Come presentare la domanda

La domanda per partecipare al concorso Ministero beni culturali potranno essere compilate esclusivamente online, collegandosi alla pagina presente sul sito Ripam. (dove si possono trovare anche le informazioni per il concorso per la Regione Campania)

Il modulo per poter partecipare al concorso Ministeri Beni Culturali, è quello del sistema “Step.One 2019”.

Infine, la partecipazione al concorso richiede necessariamente che vi sia il versamento di un bollettino di euro 10,00 che dovrà essere pagato prima della compilazione della domanda e poi caricato nella pagina personale, pena l’esclusione dalla gara

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata