Acconti novembre 2019: cambia il calcolo.

acconti novembre 2019
Condividi

Il Decreto Fiscale  collegato alla Legge di Bilancio 2020 ha introdotto novità  anche in materia di acconti novembre 2019 che quest’anno devono essere versati entro il 2 dicembre 2019, considerato che il 30 novembre, scadenza ordinaria per il versamento del secondo acconto delle imposte, cade di sabato . Il decreto in oggetto ha modificato le percentuali con cui devono essere versati gli acconti dai soggetti che applicano gli ISA, determinando una riduzione del versamento complessivo degli acconti per il 2019 del 10%

Acconti novembre 2019: quando effettuare il pagamento?

In un clima particolare che vede, successivamente all’entrata in vigore degli indici sintetici di affidabilità fiscale, il malcontento generale da parte di professionisti, il quale ha generato una serie di proteste, il cui culmine è stato rappresentato dallo sciopero dei commercialisti il 30 settembre 2019,  sono state introdotte altre importanti novità fiscali per i soggetti che applicano gli ISA.

Per quanto concerne il versamento del saldo  e del primo acconto delle imposte, il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva inizialmente annunciato una proroga al 16 marzo 2020 dei versamenti delle rate con scadenza 16 novembre per quei soggetti che applicano degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) e per i soggetti in regime forfettario, ma tale provvedimento non è mai entrato nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio, probabilmente perchè l’esecutivo si è reso conto della paradossale situazione che si sarebbe venuta a creare con alcuni contribuenti che avrebbero pagato il secondo acconto alla scadenza del 2 Dicembre 2019 mentre parte del primo acconto  restava in sospeso fino a marzo 2020

Nessuno slittamento, il dietrofront del Governo

Successivamente al succitato annuncio del Ministero è arrivato, dunque, il dietrofront del governo. Il nuovo Esecutivo, infatti, non ha fatto rientrare nel decreto lo slittamento al 16 marzo 2020 di parte delle rate in scadenza al 16 novembre 2019.

Piuttosto che l’applicazione del suddetto slittamento, è stata  inserita nel decreto fiscale 2020 una rideterminazione degli importi delle rate degli acconti sulle imposte per i soggetti ISA.  Gli importi del primo e del secondo acconto delle imposte dovute dai soggetti che applicano gli ISA non saranno, infatti,  più divisi in una prima rata del 40% ed in una seconda rata del 60%  ma  saranno ripartiti in due rate del 50% dell’acconto dovuto cadauna.  La norma entra immediatamente in vigore ed, inoltre, il decreto indica espressamente che è fatto salvo quanto già versato per l’esercizio in corso con la prima rata dell’acconto. Pertanto i soggetti che hanno già versato il primo acconto del 40% saranno tenuti al versamento degli acconti novembre 2019 nella misura del 50%, e non più del 60%, versando dunque complessivamente il 90% dell’acconto originariamente dovuto. I soggetti che invece versano l’acconto con un versamento unico, verseranno, invece, alla scadenza del 2 Dicembre il 90% dell’acconto.

 

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata