Certificato di regolarità fiscale: come si ottiene?

certificato di regolarità fiscale
Condividi

Per la partecipazione a gare d’appalto pubbliche è indispensabile presentare il documento unico di regolarità contributiva, o DURC, e il certificato di regolarità fiscale. Ma come si ottiene il certificato regolarità fiscale? Dove si richiede?

Autocertificazione regolarità fiscale

Per le gare d’appalto pubbliche il Decreto Legislativo 163 del 2006 dispone che le imprese devono essere in possesso di un certificato dal quale si evince la regolarità per pagamenti di imposte, tasse e contributi previdenziali. L’impresa interessata a partecipare alla gara d’appalto può presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione, ai sensi dell’art. 46 e 47 del DPR n. 45/2000, dichiarando di non aver commesso violazioni per il pagamento di imposte e tasse, attestando quindi la propria situazione di regolarità fiscale.

Successivamente, la stazione appaltante, al fine di verificare l’autenticità della dichiarazione sostitutiva, può richiedere all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate (in base al domicilio fiscale del contribuente o impresa)  il rilascio del certificato di regolarità fiscale.

Il dichiarante deve essere consapevole che è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia in caso di dichiarazioni mendaci, di formazione o uso di atti falsi come disposto dall’art. 76 DPR 445/2000.

Certificato di regolarità fiscale

Il certificato di regolarità fiscale viene richiesto dall’impresa all’ ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate con istanza indicando i dati identificativi dell’imprenditore, della società o del rappresentante legale. L’Agenzia delle Entrate assegnerà alla richiesta un numero di protocollo che verrà successivamente riportato anche nel certificato di regolarità fiscale.

Il certificato di regolarità fiscale verrà rilasciato a quei soggetti nei cui confronti non sia stata contestata nessuna violazione per obblighi tributari derivanti da atti definitivi, dove per atti definitivi si fa riferimento ai 60 giorni trascorsi dalla notifica della cartella di pagamento.

Il Direttore dell’Ufficio Agenzia delle Entrate avrà 30 giorni di tempo, dalla data di richiesta del certificato, per rilasciare il certificato di regolarità fiscale con validità di 60 giorni.

 

 

 

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata