Scontrini telematici, sanatoria entro il 2 settembre per i dati di Luglio

scontrini telematici
Condividi

Scontrini telematici 2019

Dal 1° luglio 2019, i commercianti al minuto e assimilati dell’articolo 22 del Dpr 633/1972, che hanno avuto nel 2018 un volume d’affari superiore a 400mila euro, devono adempiere al nuovo obbligo di invio degli scontrini telematici.

 

Cosa fare nella pratica?

I commercianti al minuto e assimilati dell’articolo 22 del Dpr 633/1972 devono:

  • installare un «registratore telematico», che rilasci al cliente il nuovo «documento commerciale»;
  • memorizzare elettronicamente, ogni giorno, i dati relativi ai corrispettivi giornalieri nel «registratore telematico»;
  • trasmettere telematicamente alle Entrate questi dati entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

In alternativa, possono emettere una fattura elettronica «contestualmente alla consegna del bene o all’ultimazione della prestazione», «poiché risulta difficile immaginare che il fisco tolleri l’uscita da un negozio (o da un ristorante) senza documento commerciale nella prospettazione che la fattura immediata sarà emessa (trasmessa) entro 12 giorni» (comunicato congiunto Associazione nazionale commercialisti e Confimi del 18 luglio 2019). Dal 1° gennaio 2020, gli adempimenti dovranno essere effettuati anche se il volume d’affari del 2018 è stato inferiore a 400mila euro.

La memorizzazione e l’invio degli scontrini telematici sostituiscono la registrazione nel registro dei corrispettivi, anche se nella pratica questa contabilizzazione continua a essere effettuata per consentire lo scorporo dell’Iva e il calcolo della liquidazione mensile o trimestrale.

 

Sanatoria invio dati entro il 2 settembre

Chi non ha inviato telematicamente alle Entrate, entro dodici giorni dall’operazione, i dati dei corrispettivi, corredati da «documenti commerciali» emessi da «registratori telematici» a luglio 2019, può ancora evitare le pesanti sanzioni per l’omesso invio trasmettendo i dati all’Agenzia entro il 2 settembre. Questa moratoria è possibile anche per chi ha continuato a emettere i vecchi scontrini o le ricevute fiscali, anche se dal 1° luglio 2019 sarebbe stato obbligato alla memorizzazione e all’invio dei dati tramite i nuovi «registratori telematici».

 

Moratoria per 6 mesi

Le sanzioni per l’omissione di questi adempimenti (ovvero 100% dell’Iva non documentata) non si applicano nel primo semestre di vigenza dei nuovi adempienti (quindi, dal 1° luglio al 31 dicembre 2019, per i soggetti con volume di affari superiore a 400mila euro e dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 per gli altri) se i dati relativi ai corrispettivi giornalieri vengono trasmessi telematicamente alle Entrate (direttamente o tramite intermediario abilitato), entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, mediante i servizi online dell’Agenzia nel portale «Fatture e corrispettivi»

Pertanto, come stabilito dall’Amministrazione Finanziaria non viene effettuata alcuna distinzione tra contribuenti mensili o trimestrali e la prima scadenza, per i corrispettivi del mese di luglio 2019, è il 2 settembre 2019 (il 31 agosto 2019 è un sabato).

 

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata