Le novità del regime forfettario 2019: requisiti e cause di esclusione

regime forfettaio 2019
Condividi

La legge di Bilancio 2019 ha esteso l’ambito di applicazione per l’accesso al regime forfettario 2019 prevedendo un innalzamento della soglia di ricavi/compensi, eliminati dei requisiti di accesso previsti precedentemente e inserite importanti cause di esclusione.

“Unico” requisito per accesso al regime forfettario 2019

Il regime forfettario è un regime naturale a cui possono accedere le persone fisiche che intraprendono l’esercizio di imprese, arti o professioni comunicando nella dichiarazione di inizio attività di presumere la sussistenza del requisito contabile – reddituale, o nel caso non si tratti di nuova attività, di aver rispettato il requisito contabile – reddituale nell’anno precedente.

I contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni applicano il regime forfettario se nell’anno precedente hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, non superiori a 65 mila euro, ragguagliati ad anno. Nel caso di esercizio contemporaneo di attività con differente codice ATECO, si prende come riferimento la somma di ricavi e compensi di tutte le attività.

La verifica del requisito contabile -reddituale per la permanenza o l’entrata nel regime forfettario 2019 deve essere effettuata con riferimento a questi nuovi valori in vigore dal 1 gennaio 2019.

Sono requisiti non più rilevanti per il regime forfettario 2019:

  • le spese dipendenti sostenute per lavoro accessorio, per lavoratori dipendenti e collaboratori, possono essere complessivamente superiori a 5 mila euro lordi;
  • il costo dei beni strumentali, al lordo degli ammortamenti, può essere superiore a 20 mila euro;
  • possono accedere chi ha percepito reddito di lavoro dipendente e assimilato eccedente i 30 mila euro.

Cause di esclusione

Sono cause di esclusione per l’accesso al regime forfettario 2019:

  • soggetti non residenti, ad eccezione di quelli residenti in uno degli Stati membri dell’Unione Europea che producono almeno il 75% del reddito complessivo, in Italia;
  • Soggetti passivi di imposta che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA;
  • Soggetti che effettuano in via esclusiva o prevalente cessioni / porzioni di fabbricati e terreni;
  • Persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente o esclusivamente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso o erano intercorsi nei 2 anni precedenti rapporti di lavoro;

Sono inoltre escluse dal regime forfettario 2019 le persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni che partecipano:

  • a società di persone, associazioni o a imprese familiari;
  •  con controllo diretto o indiretto a società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, che esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

Leggi anche: Regime forfettario o regime ordinario: quale scegliere?

 

 

 

 

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata