Stralcio mini cartelle anche per il bollo auto?

stralcio mini cartelle
Condividi

Pace fiscale per il bollo auto?

Attraverso la sentenza n. 692 del 16 settembre 2019, la Commissione tributaria regionale delle Marche ha chiarito che sussiste lo stralcio mini cartelle anche in relazione alla tassa automobilistica.

 

Stralcio mini cartelle per la tassa automobilistica

Infatti, nell’ipotesi di una cartella di pagamento sulla quale è presente l’iscrizione a ruolo del bollo auto per un valore non superiore ai 1.000 euro, è previsto l’annullamento dei debiti appunto iscritti.

Lo stralcio mini cartelle effettuato comporta la mancanza dell’oggetto del giudizio, il quale sarà soggetto ad estinzione per cessata materia del contendere.

La normativa attinente allo stralcio mini cartelle, è l’articolo 4 del Dl 119/2018, il quale disciplina l’annullamento automatico di tutti i debiti cui valore residuo sia inferiore ai 1.000 euro, includendovi il capitale, interessi per ritardata iscrizione e sanzioni, verificatesi in seguito all’affidamento dei carichi agli agenti della riscossione, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010.

L’agente della riscossione è tenuto alla generazione dell’annullamento non oltre il 31 dicembre 2018, attraverso la trasmissione dell’elenco delle partite annullate.

 

Stralcio mini cartelle: la vicenda

La dichiarazione in materia di stralcio mini cartelle, generata dalla Commissione tributaria regionale Marche, fa riferimento alla questione scaturente successivamente alla notifica della cartella di pagamento ammontante a 930,60 euro, ivi compresi il tributo, le sanzioni, gli interessi, li oneri e il bollo auto relativo all’anno 2001.

La Regione effettuava l’impugnazione della sentenza affermando che non potesse trovare applicazione la normativa concernete lo stralcio mini cartelle, a causa della natura del tributo.

La Regione, nella fattispecie in oggetto, richiamava anche l’illegittimità costituzionale dell’art. 4 del Dl 119/2018 succitato.

La Commissione si è espressa sottolineando che la normativa non considera la natura del debito iscritto a ruolo e la natura del soggetto creditore stesso che provveda ad effettuarne l’iscrizione, fattori necessari per poter beneficiare dello stralcio mini cartelle.

Proprio da tale sentenza, ne è conseguito il decreto sulla pace fiscale, che garantisce l’annullamento dei debiti che non abbiano valore maggiore di 1.000 euro. In tal modo, il giudice ha la possibilità di dichiarare la cessata materia del contendere anche qualora il contribuente non abbia agito in giudizio.

 

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata