Acconto IVA 2018: metodi di calcolo, istruzioni e scadenze.

acconto iva 2018
Condividi

Il versamento dell’acconto IVA 2018 rappresenta una delle ultime scadenze dell’anno con cui dovranno fare i conti i contribuenti. I soggetti IVA saranno, infatti, chiamati a versare un acconto dell’imposta sul valore aggiunto per l’anno 2018, che la disciplina di riferimento prevede di poter calcolare con tre diversi metodi: storico, previsionale e analitico.

L’acconto IVA 2018 calcolato con il metodo storico

Il metodo più utilizzato per il calcolo dell’acconto IVA 2018, anche perché è il più semplice,  è il metodo storico. Questo metodo prevede che il soggetto tenuto al versamento dell’IVA, versi l’88% dell’importo versato nell’ultimo mese o trimestre dell’anno precedente. Pertanto, i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente saranno tenuti a versare l’88% del debito risultante dalla liquidazione periodica del mese di Dicembre 2017, mentre i contribuenti che liquidano trimestralmente l’IVA saranno tenuti al versamento dell’acconto calcolato con il metodo storico nella misura dell’88% del debito risultante in dichiarazione annuale IVA. Infine, i  cosiddetti contribuenti trimestrali speciali, come gli autotrasportatori o coloro che effettuano servizi di somministrazione di acqua, luce e gas, dovranno versare l’88% dell’importo risultante dalla liquidazione del quarto trimestre del 2017.

Il metodo previsionale

Un altro dei metodi previsti per il calcolo dell’Acconto IVA 2018 è il cosiddetto metodo previsionale. Tale metodo prevede il versamento dell’Acconto IVA 2018 sulla base di una stima delle operazioni che verranno effettuate fino alla data del 31 Dicembre 2018.  Pertanto il contribuente sarà tenuto a formulare una stima delle operazioni rilevanti ai fini IVA sia in entrata che in uscita, ipotizzare, quindi, l’IVA che sarebbe tenuto a versare ed applicare una percentuale dell’88%.  Il risultato rappresenterà l’importo effettivo dell’acconto IVA 2018. Tale calcolo va comunque fatto al netto dell’eventuale eccedenza detraibile dei mesi precedenti.

Il calcolo dell’acconto IVA 2018 con il metodo previsionale, prevede, dunque, per i contribuenti mensili, il versamento dell’ 88% dell’IVA stimata per il periodo di Dicembre 2018. I contribuenti trimestrali, invece, saranno tenuti al versamento dell’88% dell’IVA che secondo le stime bisognerebbe versare in sede di dichiarazione annuale IVA. Infine, i contribuenti trimestrali speciali dovranno versare l’88% dell’importo stimato per il quarto trimestre del 2018.

Il metodo analitico per il calcolo dell’acconto IVA 2018

Il terzo ed ultimo metodo previsto per il versamento dell’acconto IVA 2018 è il cosiddetto metodo analitico. Tale metodo consiste, sostanzialmente, nel liquidare l’IVA con riferimento alla scadenza anticipata del 20 dicembre 2018 e versare il 100% di tale importo.

Ai fini di tale calcolo, il contribuente mensile dovrà tenere conto delle operazioni inserite nel registro delle fatture o dei corrispettivi dal 1 Dicembre 2018 al 20 Dicembre 2018, delle operazioni non ancora registrate ma comunque effettuate dal 1 Novembre 2018 al 20 Dicembre 2018  e le operazioni di acquisto registrate dal 1 Dicembre 2018 al 20 Dicembre 2018. I contribuenti trimestrali invece, dovranno calcolare l’acconto IVA 2018 tenendo conto delle operazioni inserite nel registro delle fatture o dei corrispettivi dal 1 Ottobre 2018 al 20 Dicembre 2018, delle operazioni non ancora registrate ma comunque effettuate dal 1 Novembre 2018 al 20 Dicembre 2018  e le operazioni di acquisto registrate dal 1 Ottobre 2018 al 20 Dicembre 2018.

Scadenze ed istruzioni per l’acconto IVA 2018

La scadenza per il versamento dell’Acconto IVA 2018 è fissata per il giorno Giovedì 27 Dicembre 2018. L’acconto IVA 2018 va versato attraverso il modello F24 , compilando la sezione “Erario” ed utilizzando i seguenti codici tributo

  •  6013: per i contribuenti IVA mensili;
  • 6035: per i contribuenti IVA trimestrali.

Considerato che si tratta di un acconto, l’importo versato andrà poi sottratto dal debito effettivo che risulterà dalla liquidazione IVA del mese di dicembre per i contribuenti mensili o dalla liquidazione IVA annuale per i contribuenti trimestrali. L’acconto IVA 2018 non va versato se il dovuto è inferiore a €103.29 ed inoltre nel calcolo dell’importo dovuto per i contribuenti trimestrali non bisogna tenere conto dell’1% di interessi.

Conclusioni

L’acconto IVA 2018 è, dunque, l’ultima scadenza importante dell’anno con cui dovranno fare i conti i contribuenti. Questo adempimento richiede una particolare attenzione relativamente alla scelta del metodo da applicare che andrà fatta valutando sia la convenienza in termini economici sia anche tenendo conto della precisione con cui si è in grado  di stimare l’effettivo debito da versare.

 

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata