Riduzione adempimenti pubblicitari per Start up e PMI innovative

riduzione adempimenti pubblicitari Start up e PMI innovative
Condividi

Il 10 aprile 2019, il MISE ha pubblicato la circolare n.3718/C nella quale sono state inserite le indicazioni relative alla riduzione adempimenti pubblicitari per start up e PMI innovative introdotte dalla legge di conversione del Decreto Semplificazioni 2019.

Novità introdotte in materia di riduzione adempimenti pubblicitari per Start up e PMI innovative

Una importante novità introdotta dal Decreto Semplificazioni, che verrà applicata a partire dal 2019, consiste nella riduzione adempimenti pubblicitari per start up e PMI innovative. Infatti, passano da tre ad uno gli adempimenti informativi richiesti per tale tipologia di soggetti. Le start up innovative sono tenute, pertanto,  all’aggiornamento e alla conferma almeno una volta all’anno delle informazioni tenute presso il Registro delle Imprese mediante l’apposita piattaforma informatica e, al contempo, alla dichiarazione di mantenimento dei requisiti necessari. È concessa la possibilità di aggiornamento anche più volte durante l’anno ma l’adempimento obbligatorio resta fermo ad uno.

Le start up,  gli incubatori e le PMI innovative hanno la possibilità di attestare il mantenimento dei requisiti entro i sette mesi dalla chiusura dell’esercizio nel caso  in cui  l’approvazione del bilancio avvenga nei 180 giorni.

In aggiunta, la riduzione adempimenti pubblicitari per start up e PMI innovative riguarda anche l’abrogazione dei due adempimenti semestrali di attuazione delle notizie di autocertificazione per l’iscrizione nella sezione speciale.

Inserimento e aggiornamento delle informazioni

La circolare n. 3718/C del MISE afferma che di particolare rilevanza è la comunicazione delle informazioni essenziali per l’iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese. Ugualmente importante è l’aggiornamento delle informazioni mediante l’apposita piattaforma digitale.

Bisogna considerare, inoltre, che nel caso in cui si verifichi la mancata compilazione del profilo, i soggetti possono incorrere in un blocco della procedura della Comunicazione Unica per il deposito presso l’Ufficio del Registro delle Imprese della dichiarazione del legale rappresentante che attesta il mantenimento del possesso dei requisiti e quindi la perdita dello status speciale di start up innovativa nel caso si superi la scadenza dei 30 giorni dall’approvazione del bilancio e comunque dei sei mesi dalla chiusura di ciascun esercizio.

Mediante le procedure di inserimento e aggiornamento si intende garantire una maggiore trasparenza, chiarezza ed anche accessibilità alle informazioni di natura pubblicitaria concernenti le start up innovative, incubatori e piccole e media imprese innovative. Allo stesso tempo il legislatore ha voluto favorire un’ulteriore semplificazione della burocrazia mediante le riduzione adempimenti pubblicitari per start up e PMI innovative.

Infine, la circolare n. 3718/C presenta in allegato il modello da utilizzare e presentare per la dichiarazione del possesso dei requisiti necessari per le riduzione adempimenti pubblicitari per start up e PMI innovative. Per la redazione della dichiarazione di conferme, è fondamentale il deposito o l’approvazione del bilancio, in modo tale che le amministrazioni competenti abbiano a disposizioni tutti gli elementi utili per poter effettuare le eventuali verifiche.

 

Sottoscrivi la nostra newsletter per ricevere notizie e approfondimenti

Lascia un commento :

* La tua email non sarà pubblicata